Prabhat Patnaik, “Capitale monopolistico, allora ed ora”

Sul Monthly Review del luglio 2016, l’economista indiano Prabhat Patnaik pubblica una interessante recensione[1] del classicissimo saggio di Paul Baran e Paul Sweezy, “Il capitale monopolistico”[2], del 1966. Un libro, come ricorda, che ebbe una enorme influenza sulla sua generazione (anche se lui stava studiando economia a Nuova Delhi) che cercava di comprendere…

Capitalismo digitale Il futuro colonizzato

Incontro-dibattito sul libro Il futuro colonizzato. Dalla virtualizzazione del futuro al presente addomesticato, di Renato Curcio (Sensibili alle foglie, 2019), presso il Csa Vittoria, Milano, 24 ottobre 2019 Vorrei iniziare leggendo due frammenti di due interviste uscite recentemente sui giornali internazionali e italiani; sono poche righe, ma penso che potranno…

Camp Darby (base USA in Italia): un mostro politico-militare

La coraggiosa lotta dei portuali di Genova contro il trasporto delle armi saudite, purtroppo, stenta a replicarsi su Livorno dove gli armamenti sono di marca statunitense. Le associazioni non affrontano il problema, ma l’impotenza dei lavoratori livornesi dinanzi alla morsa dei confindustriali in affari con lo stato profondo USA dimostra che Washington…

«L’INSORTO». LIBRO “DELLA” COMUNE E “NELLA” COMUNE DI PARIGI. LA PASSIONE DUREVOLE DI VALLÈS PER UNA PRASSI DI EMANCIPAZIONE COMUNITARIA.

L’insorto Introduzione, traduzione e cura di Fernanda Mazzoli Nei giorni eroici e tragici della Comune un giornalista squattrinato ed insofferente all’ordine costituito fa sua la causa degli insorti, condividendone speranze, battaglie, sofferenze, entusiasmi ed errori fino alla sanguinosa sconfitta. Storia collettiva e destino individuale si incontrano, si confondono e si alimentano reciprocamente in…

LA COMUNE DI PARIGI

LA COMUNE DI PARIGI È SEMPRE STATA SERIAMENTE EMARGINATA DAL SISTEMA EDUCATIVO FRANCESE. LE QUESTIONI CHE I COMUNARDI AFFRONTARONO ERANO MOLTO SIMILI A QUELLE CON CUI DOBBIAMO CONFRONTARCI OGGI. «La Comune di Parigi è sempre stata seriamente emarginata dal sistema educativo francese, nonostante – o forse perché – è un…

UN MONDO MIGLIORE È POSSIBILE. MA PER IMMAGINARLO CI VUOLE FILOSOFIA

Capita spesso, a chi si occupa di filosofia, di dovere difendere la propria disciplina dalle critiche di chi la ritiene inutile. Mi è capitato anche, durante le consuete domande finali che seguono gli incontri pubblici, di dovere rispondere a genitori preoccupati del fatto che il figlio si fosse iscritto alla facoltà di Filosofia,…

IL VESSILLO DELL’OCCIDENTE CONSUMISTICO È LA LIBERTÀ ASTRATTA DELL’HOMO CONSUMENS. LA MODERNITÀ TRIONFANTE SODDISFA L’ISTINTO DELL’ANIMALITÀ TROGLODITA.

Il vessillo dell’Occidente consumistico è la libertà astratta dell’homo consumens La modernità trionfante soddisfa l’istinto dell’animalità troglodita. A. Gramsci La parola libertà è tra le parole il cui significato è maggiormente inflazionato. Alla parola libertà si associano azioni e comportamenti astratti. O meglio, la libertà è astratta poiché nell’opinione generale essere liberi…

La Grande Crisi e il fallimento del neoliberismo (IV)

Quarto capitolo del lavoro di Giuseppe Gagliano su “Finanzcapitalismo” di Luciano Gallino. In questa parte dell’analisi, Gagliano spiega le teorie di Gallino sul fallimento del pensiero mainstream neoliberista in seguito alla determinazione e allo scoppio della Grande Recessione che ne ha destabilizzato i pilastri ideologici. Se il neoliberismo è la dottrina…